I palazzi del periodo tetrarchico


Analizzeremo adesso due città tetrarchiche, ovvero la città di Tessalonica (oggi Salonicco) e la città di Spalato, dove Diocleziano nasce e dove decide di far sorgere un palazzo
salonicco e spalato (dove Diocleziano nasce e dove decide di vivere una volta ritiratosi dalla carriera politica). Come abbiamo detto la tetrarchia è un momento storico significativo perché insieme a grandi cambiamenti del punto di vista politico ed amministrativo, si verifica anche una attività edilizia molto intensa che vede protagonisti quattro personaggi (i due cesari e i due augusti) che provvedono a creare siti adatti ad ospitare delle corti imperiali e per questa ragione simultaneamente sorgono quattro grandi palazzi (a Nicomedia, Tessalonica, Milano e a Treviri) di cui rimangano tracce tracce cospicue solo per quello di Tessalonica, perché il palazzo di Nicomedia di Diocleziano (in Pitinia) sappiamo l’ubicazione ma non sono visibili risultanze archeologiche tali da consentire una ricostruzione di un’impianto (sono rimaste solo voci e non scendono mai nel particolare); situazione simile si ha Milano e Treviri, anche se a Milano esistono ancora degli elementi superstiti di questo palazzo che sono stati inglobati da strutture successive, mentre Treviri sono presenti una grande basilica (che ebbe un peso notevole negli sviluppi dell’architettura alto-medioevale) e alcune sale del palazzo, le altre parti sono invase dalla città moderne (come la porta Nigra e le cosiddette “barbara terme” del III secolo d.C. e quindi sono architetture che non fanno parte del palazzo imperiale). 
A Salonicco i resti sono cospicui e tali da consentire una ricostruzione generale dell’impianto e quindi rende l’idea di un palazzo dell’età tetrarchica, quello di Spalato in senso stretto non farebbe parte dei palazzi della tetrarchia perché è un palazzo che sorge durante questo periodo ma in realtà è una residenza privata di Diocleziano (quando nel 306 d.C. si ritira nella sua città natale, nell’attuale Croazia allora Illiride, regione che aveva dato luce anche allo stesso Galerio, che era il suo augusto).

Analizzeremo:
  1. Il palazzo imperiale di Salonicco
  2. Il palazzo imperiale di Spalato

Nessun commento:

Posta un commento